EGITTO – Dal Nilo al Lago Nasser

Eccoci in Egitto!

Fin dai primi passi arte, civiltà e cultura, si intrecciano in un fascino che ci abbaglia. Sarà un viaggio straordinario che percorrerà il Nilo da Luxor, passando per Assuan, fino al Lago Nasser! Cominciamo l’avventura da due dei templi meglio conservati del paese: Abydos dedicato al dio Osiride e Dendera sacro alla dea Hathor.
Abydos ai margini del deserto sorge sul luogo in cui si credeva fosse stato sepolto il dio Osiride, ucciso dal fratello Seth, per questo divenne luogo di culto e pellegrinaggi fin dall’antichità. È qui che Sethi I, padre di Ramesse II, decise di edificare un grandioso tempio: sale ipostile si susseguono circondate da cappelle dedicate alle diverse divinità del pantheon egizio, non un solo centimetro è lasciato privo delle splendide decorazioni, alcune delle quali conservano ancora il loro colore originali. Steli, cartigli, processioni e preghiere fissati sulle pareti. E poi ecco la scena che tutti aspettiamo: Sethi che trasmette al figlio Ramses le dinastie dei faraoni che li hanno preceduti…il faraone, la divinità in terra, che si fa uomo e padre! Ci spostiamo dunque a Dendera, gli ultimi campi che beneficiano della presenza del grande fiume cedono il passo alle sabbie e in lontananza compare la facciata del tempio tolemaico dominato dalle teste della dea dalle orecchie di vacca: simbolo di gioia e fertilità! Lo stile delle iscrizioni è di una raffinatezza impressionante, anche qui le tracce di colore emergono da secoli di offuscamento e ci parlano di un mondo fatto di complessi rituali e di profonde credenze. Dalla grande terrazza lasciamo correre il nostro sguardo verso il sole che cala alle spalle di una magnifica giornata!

Luxor, la superba Tebe, antica capitale del Regno Egizio, secondo Omero la città possedeva un numero tale di ricchezze che poteva essere superato solo dai granelli di sabbia del deserto! Prima tappa è Karnak, il santuario più importante dell’Egitto, cuore religioso e amministrativo, venerato come pochi. La sua foresta di colonne colpisce per la magnificenza e l’aria che si respira passeggiando tra le sue corti sa di antico, di profondo, si percepisce ancora di essere entrati, con il fiato sospeso, in un mondo per pochi eletti! E poi è la volta del Tempio di Luxor, liberato dalle sabbie da Gaston Maspero nel 1881. I colossi rappresentanti Ramses II ci osservano con occhio emblematico lungo il percorso. Seguiamo la nostra guida mentre ci rivela il significato di rituali, usi e preghiere…ma sempre sotto lo sguardo benevolo e fiero del grande faraone! La mente ci porta ad immaginare come dovessero apparire questi luoghi nel loro periodo di massimo splendore tra colori accesi e tesori inestimabili! Credo che la gente comune, che qui veniva a rendere tributo, dovesse effettivamente sentirsi toccata da una mano divina in terra!

Oggi apriamo una delle pagine più straordinarie del nostro viaggio: la Valle dei Re e delle Regine, le più affascinanti tra le necropoli egizie, celate tra le colline ad ovest di Luxor. Nell’antichità la riva occidentale del Nilo, era considerata la dimora dei defunti, qui gli ultimi raggi del sole illuminano le sabbie del deserto, per poi risorgere sulla riva orientale, dimora invece dei viventi. Si coglie ancora tra queste pietre il devoto lavoro delle mani che per secoli hanno plasmato queste opere d’arte allo scopo di fissare per l’eternità le anime dei regnanti. Impossibile non sentire l’emozione degli esploratori che ci hanno preceduto guidati dal sogno della scoperta di un mondo distante e intrigante come pochi! Nella mia testa continuano a risuonare le parole di Howard Carter nel momento in cui aprì quel foro che gli permise di spiare all’interno della tomba di Tutankhamon: “Vedo cose meravigliose!”. Migliaia di anni di profanazioni e furti non sono bastati a cancellare l’unicità di questo patrimonio!

Dormire cullati dalle placide acque del Nilo e svegliarsi con gli occhi già colmi di bellezze è un’emozione unica! All’alba i colori sono tenui, le rive del grande fiume sono punteggiate da palmeti e canneti di papiri laddove il deserto cede il passo alla vita. Mansueti asinelli e docili mucche pascolano sotto gli occhi dei pescatori intenti a preparare le loro barche per la giornata di lavoro. Guardiamo alle colline sabbiose fino a scrutare qualche monumento oramai cancellato dal tempo, fino a che, superata una scenografica ansa giungiamo ad Edfu: dimora del Dio Horus! Il tempio di epoca tolemaica fu rimasto sepolto per secoli dalle sabbie e questo ha permesso che giungesse a noi in ottimo stato di conservazione. Tra le sue scene murarie riviviamo la vendetta del dio dalla testa di falco verso lo zio Seth che aveva assassinato il padre Osiride, assistiamo alla sua unione con la dea Hathor che qui giungeva da Dendera per congiungersi al suo amato, ma soprattutto cogliamo la raffinatezza della fusione dello stile egizio con quello greco! La navigazione verso sud riprende e, nel mentre, ci concediamo una cooking class di cucina egiziana tra verdure fresche e spezie profumate! Attendiamo dunque che cali la sera per la visita del tempio di Kom Ombo, sacro al dio coccodrillo Sobek, che con la sua ferocia era in grado di scongiurare il male e allo stesso tempo difendere gli innocenti. Gli edifici sono illuminati da una luce dorata e polverosa il che li rende ancora più suggestivi: le figure alle pareti sembrano quasi uscirne e prendere vita per raccontare esse stesse il loro significato. Una sosta al piccolo museo allestito per esporre alcuni mummie dei coccodrilli sacri qui rinvenuti, e siamo pronti a fare rientro nella nostra nave: stasera ci aspetta la serata egiziana dove far sfoggio delle nostre nuove vesti tipiche!

Il nostro viaggio nelle meraviglie dell’Egitto continua e giungiamo questa mattina ad Assuan e, con essa, ha inizio l’avventura in terra nubiana. La Grande Diga ci aspetta: realizzata tra gli anni ’60 e ’70 rappresenta una delle opere ingegneristiche più straordinarie del XX secolo! Pensata per controllare le indomabili piene del Nilo e risolvere al contempo il problema della siccità, ne è diventata un vero e proprio simbolo, anche se spesso criticata per il forte impatto avuto sulla regione. Una barca a motore ci porta dunque al tempio di File, luogo sacro alla dea Iside, che qui si rifugiò per ricomporre il corpo del suo amato Osiride. Oggi possiamo visitare questo complesso grazie al certosino lavoro di una squadra di professionisti italiani che spostò gli edifici dall’isola originaria a quella odierna ormai sommersa dalle acque della nuova diga. L’eleganza e la ricercatezza dei suoi decori lo hanno reso a tutto merito uno dei siti Patrimonio dell’Unesco. Concludiamo la giornata con un suggestivo giro in feluca che ci porta prima al Giardino Botanico, un’esplosione di specie tropicali tra cui passeggiare al riparo di piante lussureggianti, ed un tipico villaggio nubiano, ricco di fascino ed autenticità! Ci sediamo nel cortile principale sorseggiando un ottimo karkadè con l’impressione di aver bussato ad una porta schiusa su un tempo quanto mai remoto!

Inizia la navigazione sul Lago Nasser per scoprire i siti nubiani che rischiarono di rimanere per sempre inghiottiti dalle acque del Nilo con la costruzione della diga di Assuan! Una piccola barca a motore ci porta al tempio di Kalabsha: un’imponente struttura iniziata alla fine del periodo tolemaico e completato durante il regno dell’imperatore Augusto (30 a.C.-14 d.C.), e dedicata al dio solare nubiano Mandulis, dalla testa di falco ma con il corpo umano. Visitiamo il sito in solitaria…siamo solo noi…un custode con il suo cane ed il suo gatto…ed i meravigliosi resti che ci circondano. Ci godiamo ogni centimetro con calma, passeggiamo attraverso le corti e i sacrari studiando i racconti che si susseguono sulle pareti. Tutt’attorno vedute luminose del lago e della grande diga di Assuan. Nel pomeriggio ci aspetta il sito più sorprendente di tutto l’Egitto: Abu Simbel! Qui l’arte si fa poesia…c’è tutto: la magnificenza del grande Ramses, la maestria di chi ha scolpito questa roccia, la bellezza dei muri che prendono vita e l’amore infinito di un uomo verso la sua regina, Nefertari, “colei per la quale sorge il sole al mattino”! Ancora una volta le parole non bastano e l’emozione si fa ancora più grande mentre assistiamo al calare della notte allo spettacolo di luci che, attraverso la voce del vento del deserto, narra la storia di questo luogo dalle sue origini fino all’imponente opera di recupero. “Abu Simbel…dopotutto la notte è solo una promessa!

Il nostro viaggio è in dirittura di arrivo…in questi ultimi giorni ci siamo immersi negli spettacolari paesaggi del Lago Nasser, scoperto i suoi siti preziosi risorti dalle acque come in un sogno. Anni di paziente lavoro hanno salvato questi patrimoni dalle acque dirompenti che oggi invece risplendono nuovamente ai loro piedi. Dal sito di Amada a quello di Derr, dalla tomba del funzionario Pennut, al complesso di Wadi el Sebu…ad ogni passo la meraviglia di quello che è considerato un Egitto al di fuori dai percorsi turistici più noti ma assolutamente da vedere!

L’Egitto non è mai solo un viaggio, è un luogo profondo che ti coinvolge e ti scava dentro come pochi altri.

Partiamo…con il desiderio di poter presto camminare nuovamente su queste affascinanti ed indimenticabili strade!